La memoria procedurale è uno dei tipi di memoria più affascinanti che esistano. Memorizza le abitudini, le abilità e i movimenti del corpo che abbiamo acquisito nel tempo, come suonare uno strumento musicale o guidare un’automobile. In questo articolo ci immergiamo nei dettagli della memoria procedurale, esplorando come funziona, come immagazziniamo le informazioni, come è collegata alle emozioni e quali disturbi sono associati ad essa. Verranno inoltre proposti esercizi per migliorare la memoria procedurale.

Il sistema della memoria

Il sistema della memoria è suddiviso in diversi tipi di memoria, ciascuno con funzioni e caratteristiche diverse. I tipi di memoria più comuni sono la memoria a breve termine e quella a lungo termine. La memoria a breve termine è la capacità di memorizzare una piccola quantità di informazioni per un breve periodo di tempo, mentre la memoria a lungo termine è la capacità di memorizzare le informazioni in modo permanente.

tabella_memoria_funzionicognitive_cervello_sofia_memoriadilavoro_memoriaepisodica

Memoria procedurale

 

La memoria procedurale è un tipo di memoria a lungo termine che immagazzina abitudini, abilità e movimenti del corpo acquisiti nel tempo. È spesso associato all’apprendimento non dichiarativo, cioè all’apprendimento inconscio e automatico, in contrapposizione all’apprendimento dichiarativo, che implica consapevolezza e intenzione cosciente. La memoria procedurale è generalmente considerata un tipo di memoria implicita, in quanto non può essere espressa verbalmente.

 

Come ricordiamo le informazioni?

 

Il modo in cui immagazziniamo le informazioni dipende dal tipo di memoria coinvolta. La memoria a breve termine è di solito associata alla ripetizione, cioè al ripetere le informazioni più volte per mantenerle nella mente. La memoria a lungo termine, invece, è associata al consolidamento, il processo attraverso il quale le informazioni vengono trasformate in ricordi permanenti.

La memoria procedurale è un po’ diversa, in quanto spesso viene acquisita in modo implicito, senza richiedere un’intenzione cosciente di ricordare. Di solito si acquisisce attraverso la pratica ripetuta di un’abilità o di un’abitudine fino a farla diventare automatica. Ciò significa che la memoria procedurale si rafforza con la ripetizione e la pratica regolare.

Memoria ed emozioni

 

Le emozioni possono avere un impatto significativo sul modo in cui ricordiamo le informazioni, comprese quelle immagazzinate nella memoria procedurale. Per esempio, le emozioni positive possono rafforzare i ricordi e facilitare l’apprendimento, mentre quelle negative possono avere l’effetto opposto.

È stato inoltre dimostrato che le emozioni possono influenzare il modo in cui utilizziamo la memoria procedurale. Ad esempio, lo stress può influire sulle prestazioni delle abilità procedurali, mentre l’entusiasmo può migliorare le prestazioni.

Scoprite i diversi passi per aiutare un bambino con autismo a riconoscere le proprie emozioni sul blog di Dynseo-Coaches.

Disturbi della memoria procedurale

 

Come tutti i tipi di memoria, anche la memoria procedurale può essere influenzata da disturbi e malattie. Uno dei disturbi più comuni è la malattia di Alzheimer, che può portare alla perdita della memoria procedurale e di altri tipi di memoria.

La malattia di Huntington è un altro disturbo che colpisce la memoria procedurale. Questa malattia neurologica ereditaria causa movimenti involontari, disturbi del comportamento e del pensiero e un progressivo deterioramento della memoria procedurale.

Accompagnare un malato di Parkinson

 

Altri disturbi legati alla memoria procedurale sono i disturbi del movimento, come il morbo di Parkinson, che possono compromettere la capacità di eseguire movimenti automatici, come camminare. I disturbi dello spettro autistico possono anche influenzare la memoria procedurale, in quanto possono limitare la capacità di apprendere abilità sociali e comportamentali.

tabella-riassuntiva-parkinson-sofia-motricità-giochi (2)

Sostenere una persona dopo un ictus

 

Infine, l‘ictus può influire anche sulla memoria procedurale. L’ictus può danneggiare le aree del cervello coinvolte nell’apprendimento e nella memoria, compresa la memoria procedurale.

tabella-riassuntiva-stadi-ictus-roberto-sintomi-stimolazione-cognitiva

Esercizi per migliorare la memoria procedurale

 

L’esercizio regolare è la chiave per migliorare la memoria procedurale. Più pratichiamo un’abilità o un’abitudine, più diventa automatica e più viene immagazzinata nella nostra memoria procedurale.

Esistono anche esercizi specifici che possiamo fare per migliorare la nostra memoria procedurale. Ad esempio, suonare uno strumento musicale, praticare yoga o movimenti aerobici o giocare a videogiochi che richiedono movimenti manuali rapidi e precisi possono contribuire a rafforzare la memoria procedurale.

È inoltre importante notare che la memoria procedurale è spesso collegata ad altri tipi di memoria, come la memoria semantica e la memoria episodica. Pertanto, è importante mantenere una varietà di attività che coinvolgano diversi tipi di memoria per mantenere il cervello sano e attivo.

In conclusione, la memoria procedurale è un tipo importante di memoria a lungo termine che memorizza abitudini, abilità e movimenti del corpo acquisiti nel tempo. È spesso associato all’apprendimento non dichiarativo e può essere influenzato da disturbi e malattie, come il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, i disturbi dello spettro autistico e l’ictus.

Fortunatamente, ci sono esercizi che possiamo fare per migliorare la nostra memoria procedurale, ad esempio esercitandoci in modo regolare in attività che comportano movimenti automatici, esercitando la coordinazione occhio-mano e svolgendo compiti che richiedono un’elevata precisione manuale. In definitiva, è importante svolgere una varietà di attività che coinvolgano diversi tipi di memoria per mantenere una funzione cognitiva sana per tutta la vita. Comprendendo i meccanismi della memoria procedurale, possiamo capire meglio come impariamo e come possiamo migliorare la nostra capacità di memorizzare e recuperare le informazioni a lungo termine.

 

Allenamento cognitivo per migliorare la memoria procedurale

 

L’allenamento cognitivo è sempre più riconosciuto come un metodo efficace per migliorare la memoria procedurale. La memoria procedurale, nota anche come memoria delle abilità, è la capacità di apprendere e ricordare abilità e procedure, come suonare uno strumento musicale o guidare un’automobile. Alcuni studi hanno dimostrato che programmi specifici di allenamento cognitivo possono migliorare la memoria procedurale in persone di tutte le età, soprattutto negli anziani. Questi programmi prevedono solitamente l’apprendimento di nuove abilità e la ripetizione di compiti complessi. Migliorare la memoria procedurale attraverso l’allenamento cognitivo può avere importanti implicazioni per l’apprendimento permanente, aiutando le persone ad acquisire nuove abilità e a mantenere l’indipendenza funzionale per tutta la vita.

UN PROGRAMMA DI PREVENZIONE O DI PERDITA MENTALELIEVE

ROBERTO

coach roberto memoria allenamento cerebrale

UN PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALLE PERSONE AFFETTE DA ALZHEIMER

SOFIA

sofia-giocchidimemoria-alzheimers-anziani

SEGUITE UN PROGRAMMA DI ALLENAMENTO SPECIFICO PER ATTENZIONE, MEMORIA, LINGUAGGIO, PIANIFICAZIONE E PERCEZIONE

Il vostro coach Roberto propone degli allenamenti in PDF per allenare le funzioni cognitive a casa vostra. L’allenamento dura 4 settimane, con 15 minuti di esercizi al giorno.

Il programma di allenamento é un supporto all’utilizzo dei nostri giochi cognitivi su tablet, per utilizzarli in base ai vostri bisogni.

Oltre alle attività, nel programma troverete anche dei cosigli pratici e delle spiegazioni semplici sulle funzioni cognitive e il loro utilizzo nella vita quotidiana.

Allenatevi al vostro ritmo con il nostro coach ROBERTO!

programmi_allenamento_roberto_copertina

Ricevere i programmi completi

Quale programma vi interessa?

Altri articoli che potrebbero interessarvi: